•REGISTRATI E PARTECIPA•
gratuitamente al prossimo incontro

lunedì 18 giugno 2018 - ore 18:15
Istituto Europeo di Design - via Sciesa, 4 - 20135 Milano

POETICA E TECNICA DELLA FOTOGRAFIA
ALL'INFRAROSSO
Raffaele Canepa

"Oltre 720nm - fotografare l'invisibile"

Un incontro per comprendere ed apprendere in concreto la tecnica
della fotografia all'infrarosso, e per apprezzarne la poetica.
Un percorso a cavallo fra scienza e sogno, per riscoprire
- attualizzata in digitale - una tecnica avvincente.

www.raffaelecanepa.com

720 nanometri (milionesimi di millimetro) è generalmente considerato il limite oltre il quale la luce visibile sconfina nell’infrarosso e diventa invisibile ai nostri occhi.
I sensori digitali hanno uno spettro sensibile più ampio rispetto all’occhio umano e riescono a “leggere” lunghezze d’onda fino a 1.200nm, ben oltre i nostri limiti biologici.
Utilizzando macchine fotografiche appositamente modificate e filtri che escludono completamente la porzione visibile della luce Canepa va ad esplorare oltre i limiti della visione umana, in quella parte di spettro luminoso dove la nozione di colore perde ogni significato e la luminosità è molto diversa da quello che abitualmente percepiamo.
Tecnicamente, ciò che mostrano le fotografie di Raffaele, è invisibile a occhio nudo.
Partendo dalla sua esperienza personale, in questo incontro si descrivono le caratteristiche della fotografia ad infrarosso e come per l'Autore, da un gioco sperimentale, la fotografia IR sia diventata il cuore della sua produzione fotografica, in un lavoro di ricerca partito dagli scenari naturali per spostarsi successivamente sulla fotografia di architettura e sul ritratto.

Nato nel 1974 a Genova e trasferito a Milano nel 1993, e' stato introdotto alla fotografia analogica da suo padre, quando era un bambino.
Frequentata inizialmente la facoltà di Economia, poco tempo dopo il suo arrivo in città è stato coinvolto nel primo lavoro sul set di uno spot pubblicitario; alla fine del secondo anno accademico lascia gli studi di economia per  dedicarsi pienamente alla carriera nella produzione audiovisiva.
Per circa 20 anni ha lavorato come produttore esecutivo e come regista su numerosi documentari, spot pubblicitari e programmi televisivi; in questo arco di tempo la fotografia lo ha accompagnato come uno strumento per raccogliere appunti visivi. Circa 10 anni fa ha iniziato a lavorare come fotografo professionista sui campi da golf, sia per eventi sportivi che per fotografia di paesaggio e proprio in questi scenari naturali ha iniziato ad esplorare il regno dell’infrarosso e della luce invisibile, ora divenuta una sua specifica specializzazione.